Monolab e Retinae, una partnership che fa la differenza nel mercato delle automazioni per le imprese nutraceutiche e farmaceutiche

20 Giu 2024

Home 9 Case history 9 Monolab e Retinae, una partnership che fa la differenza nel mercato delle automazioni per le imprese nutraceutiche e farmaceutiche
Automazioni per le imprese nutraceutiche

Da alcuni anni la bolognese Retinae, specialista in sistemi di visione, e la carpigiana Monolab, costruttrice macchine blisteratrici, hanno stretto una partnership che si è tradotta in molte decine di installazioni per automazioni nel settore delle imprese nutraceutiche e farmaceutiche. Una combo che ha conquistato la fiducia del mercato, grazie non solo alla qualità delle tecnologie ma anche a una flessibilità preziosa e decisamente rara nel mondo del packaging.

Quali sono i punti di forza di questa partnership? Quali sono i prossimi appuntamenti in cui vedere le soluzioni in mostra? Ne parliamo con Cristian Sironi, Business Developer di Monolab e Luca Bertocchi, Ceo di Retinae.

Un comune punto di vista al servizio del cliente

“La partnership con Retinae – racconta Sironi – è nata dalla necessità di abbinare la qualità delle nostre macchine a quello che per noi di Monolab è un vero e proprio cavallo di battaglia: il supporto e il servizio post-vendita che diamo al cliente. In Retinae abbiamo finalmente un partner con il nostro stesso punto di vista. L’approccio che entrambi condividiamo non è finalizzato alla mera fornitura di una macchina, ma dà un grande rilievo anche al supporto post-vendita. Un supporto che sia risolutivo e il più rapido possibile. Nei settori Nutraceutico e Farmaceutico, in cui come Monolab operiamo, questo aspetto è un must, è un elemento di qualità del servizio che viene notevolmente apprezzato da tutti i clienti”. 

Anche per Retinae la chiave è la capacità di comprendere e adattarsi alle esigenze del cliente: “Monolab è stata fondata nel 1995, è un costruttore storico italiano – aggiunge Bertocchi – molto apprezzato e ben posizionato nel mercato italiano ed internazionale. È un’azienda che cerca e apprezza quella flessibilità che noi possiamo dare. E questo per noi è un grande valore aggiunto”.

Come è distribuito il mercato di Monolab?

“Circa il 60% della nostra produzione è destinata al mercato italiano, il restante 40% viene esportato. Le nostre blisteratrici sono richieste in diversi Paesi, fra cui gli Stati Uniti, l’America latina, Cina, India, Israele e anche nelle regioni baltiche. A livello di settori, direi che un buon 70% dei nostri clienti opera nel nutraceutico, il restante 30% è farmaceutico”.  Insieme Retinae e Monolab partecipano anche alle fiere, dove si possono ammirare le blisteratrici progettate e prodotte a Carpi, con installati i sistemi di visione sviluppati a Bologna.

Dalle fiere la conferma della fiducia da parte dei clienti

“Recentemente abbiamo partecipato a Hispack, a Barcellona, e a Vitafoods Europe, a Ginevra. Quest’ultima – continua Cristian Sironi – è un punto di riferimento molto importante per la Nutraceutica, con visitatori da tutto il mondo e devo dire che è andata molto bene. Noi abbiamo consolidato la nostra presenza sul mercato e diversi clienti che già utilizzano le nostre macchine ci hanno confermato la loro fiducia e hanno ordinato altre blisteratrici. Questo per noi è il segno della loro soddisfazione. Allo stesso tempo, in quei giorni di fiera, abbiamo conosciuto nuove e importanti realtà con le quali stiamo già costruendo una relazione. Sia Monolab sia Retinae sono nate con l’obiettivo di stabilire un rapporto con il cliente che non sia limitato alla singola vendita, ma sia invece orientato a costruire una relazione di lungo periodo. Per noi ciò che veramente conta non è concludere una vendita a qualsiasi costo, ma far comprendere al cliente che sta acquistando qualcosa di duraturo, che avrà un valore oggi e nel futuro”.

La flessibilità è la parola chiave

“Il riscontro che abbiamo ottenuto sulle macchine fornite in precedenza, e sul servizio post vendita, è stato davvero buono e significativo”, continua Sironi. “Questo ci conferma sia la qualità del nostro lavoro sia il fatto che in Retinae abbiamo trovato il partner giusto per le nostre necessità. È una partnership che consolida la nostra reputazione e ci consente di servire in modo efficace un settore che produce volumi medio piccoli ma con produzioni molto ripetitive e frequenti. Nel settore nutraceutico, infatti, è rara la grossa tiratura di prodotto a fronte di una grande campagna, come invece avviene nel farmaceutico.

Le peculiarità del settore nutraceutico richiedono personalizzazione

Le performance delle macchine destinate alle imprese del settore Nutraceutico, e anche a molte imprese del farmaceutico, non possono essere pesantemente penalizzate dal sistema di visione il quale, se non opera come si vorrebbe, può dar vita a inconvenienti rilevanti, fra i quali anche il blocco del confezionamento. 

“Un sistema di visione rigido, complicato e di difficile gestione non assicura l’efficienza e la flessibilità necessarie alle esigenze produttive di questo settore”, prosegue Cristian Sironi di Monolab. “Con Retinae abbiamo risolto questo aspetto fornendo a tutti i clienti delle macchine equipaggiate con un sistema di visione allineato alle ottime performance della nostra  blisteratrice, non solo a livello di funzionamento ma anche e soprattutto sul versante del supporto tecnico rapido, in caso di necessità. Questo ci rende particolarmente competitivi in un mercato in cui è forte la presenza di grandi strutture che hanno difficoltà ad essere flessibili, proprio per le loro dimensioni che comportano onerosi processi di presa in carico, lavorazione e intervento”.

Settore farmaceutico

Il potere della velocità

Monolab e Retinae sono due imprese di medio-piccole dimensioni, e questo consente loro non solo la velocità nello sviluppo di soluzioni, ma anche quella libertà di movimento che diventa risolutiva nelle sfide dei cambiamenti, della personalizzazione, degli interventi post-vendita.

“Per noi di Retinae – continua Luca Bertocchi – è un punto valoriale distintivo e fortissimo. È parte di noi, della nostra storia, del nostro modo di essere e di agire. È il nostro valore aggiunto che ci distingue e ci consente di offrire risposte personalizzate, rapide. Come ad esempio quella particolare personalizzazione, che il cliente chiede e che fa la differenza nei rendimenti in  produzione. Ecco perché siamo apprezzati dalle piccole e medie imprese, che cercano la soluzione speciale per le loro esigenze”. 

“Esatto – conclude Sironi – insieme siamo in grado di fare la differenza proprio perché siamo in grado di offrire e concretizzare, in tempo reale e a costi minimi, quello che il cliente ci chiede. Velocità nella risposta e sostenibilità dei costi sono due aspetti impossibili da conciliare per i nostri competitor di grandi e grandissime dimensioni”.

VUOI INFORMAZIONI SU QUESTA SOLUZIONE?


altre case history